Indagini lungo il confine

Il Tempo degli Antichi Dei

Un vecchio amico...

Tempio

Gli avventurieri vengono portati nelle profondità delle rovine di Blackmoor:

Al secondo livello di Blackmoor si accede da una grande sala scolpita nella pietra di una ventina di metri di lato.

Sul fondo della grotta una scala collega il terreno con un portale di sei metri di diametro scolpito in una grossa pietra nera.

Ai lati della scala due enormi statue, quella di destra rappresenta un uomo alto almeno una dozzina di metri che brandisce un enorme martello nell’atto di scagliarlo contro l’altra statua.

Mentre l’altra statua rappresenta un essere demoniaco, uscito dal peggiore degli incubi che si ripara il volto pronto a ricevere il temibile colpo del martello.

Il portale è chiuso da un pesante catenaccio ma il grosso lucchetto che lo bloccava ora giace a terra spezzato.

Al di la del portale vi è il buio e il silenzio più assoluto, dopo pochi secondi i coboldi di scorta chiuderanno il portale alle spalle degli avventurieri facendo scorrere il chiavistello al suo posto e lasciando il gruppo rinchiuso nella stanza buia.

Qui il gruppo si accorge che murato vivo nella parete est della stanza vi è una loro vecchia conoscenza: Ghhg….

Ghhhhh dopo essere stato liberato racconta di essersi avventurato qui nelle grotte per vederci più chiaro su come fermare Iuz e che si è imbattuto nella Regina dei Ghiacci e i suoi Scagnozzi e l’hanno murato vivo per fargli soffrire una morte lenta e straziante.

Il gruppo decide cosi di abbattare il muro dove era bloccato Ghhhh e di proseguire all’interno della grotta, scoprendo ben presto che la zona è infestata da non morti.

Comments

Gadda

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.